mercoledì 25 giugno 2008

Il richiamo del vaccino

Montanelli scriveva, riguardo Berlusconi, che è come una malattia da cui si guarisce con il vaccino. Sosteneva che sarebbe bastato un solo governo, affinché gli stolti italici aprissero gli occhi e comprendessero chi fosse. Montanelli ha sbagliato su un punto: alcuni vaccini, per essere efficaci, hanno bisogno di più richiami, ad esempio il tetano.
Si trascuri l'ovvio risultato elettorale in Sicilia, alle scorse comunali, e certi feudi saldamente in mano sua, tra cui, purtroppo, la Lombardia. Sono aree in cui certe scelte antigiustizialiste, filopapali e pro evasive, sono ampiamente accettate, da una certa fetta della popolazione.
Oggi è stato bello vederlo fischiare dai commercianti (un tempo, suo bacino di voti), sul tema giustizia. Molti italiani stanno aprendo gli occhi e cominciano a vedere chi c'è tra tacchi e trapianto.
Purtroppo, non esistono alternative credibili...
La lega si è legata (mi si scusi il gioco di parole) a filo doppio con certa gente, perdendo il suo valore di movimento di protesta. Il PD è una grande, ridicola, nave alla deriva, con rematori incapaci di seguire una sola rotta. La sinistra è allo sbando, in mano ai soliti illusi ed ai radical chic: una forza incapace di andare avanti ed evolversi, legata a particolarismi e anacronismi, capace di sfaldarsi su un'inezia. L'estrema destra è ridicola. Per ultimo, Dipietro: sarebbe un personaggio interessante, con un bel partitino, però paga la plateale ignoranza politica (e non solo). uscendo dall'arco politico, abbiamo decine di formazioni, più o meno credibili, ma troppo frazionate e mal organizzate. Lo stesso Grillo, tanto decantato, è un buon agitatore, ma non ha la capacità di trasformarsi in un fenomeno di rinnovamento; è solo l'ennesimo commissario tecnico, per quanto abbia idee interessanti e sia l'unico a mostrare certe situazioni. I suoi seguaci, i grillini, sono alla stregua della sinistra sopracitata.
Il paese è in mano al clero, alle associazioni criminali, ai manager, agli speculatori ed ai banchieri. Tutta gente capace di sfornare denaro dal nulla, senza creare ricchezza, colpevoli di aver fatto fallire il sistema Italia, massacrando le sue industrie più floride (olivetti, italtel, parmalat, telecom, etc) e svendendole per creare dividendi. Gente che agisce con il placet istituzionale.
Anche liberandosi di certi politici, non abbiamo rimpiazzi credibili.
Questa è la situazione attuale: il re è in mutande, noi siamo nudi e non si vede l'orizzonte.

Drvso
Posta un commento