giovedì 7 giugno 2007

persone speciali

Capita mai che una canzone riporti alla mente dei ricordi?
Ultimamente, mi sono trovato a riascoltare, dopo una vita, Daniele Silvestri. Risultato: continua a tornarmi in mente una ragazza.
Tra le storie che ho avuto (poche, soprattutto a causa mia) è stata una delle più strane. Siamo totalmente diversi, proveniamo da ambienti diversi ed abbiamo ambizioni diverse. Non capirò mai come sia iniziata, né come sia finita.
Posso dire che è una delle persona che ricordo con maggior piacere. Peccato che ci siamo conosciuti in uno dei momenti peggiori della mia vita.
A volte penso che se non fossi stato così stupido, da voler fare sempre la cosa giusta, forse saremmo ancora insieme. Fatto sta, e lo ammetto, se è finita è, praticamente, colpa mia!
Con lei è finita la mia carriera di barman (tra l'altro, ci siamo conosciuti dove lavoravo) ed il mio periodo di risveglio emotivo. Mi sono sentito così tanto coglione, per ciò che avevo fatto (poi ho sommato altre cazzate pregresse), al punto di ho decidere che il gentil sesso sarebbe stato meglio senza di me. Da allora, a parte qualche breve perdita di controllo in cui lascio che la parte più genuina di me (quindi, non il cervello) prenda il controllo, sono stato solo.
Mi sto rendendo conto che ho perso belle occasioni con le donne, a causa delle pippe (mentali! quelle fisiche rovinano vista, non la vita) che mi sono fatto. Le storie successive (di cui una è stata molto bella), sono fiorite e sfiorite sotto questa mia visone pessimistica del mondo. Altro effetto collaterale di tutto ciò, è l'aura di stronzaggine che mi circonda. Molta gente è convinta che me la tiri e faccia il figo; dimostrazione che è meglio star zitto e sembrare stupido, piuttosto che aprire la bocca e mostrarsi coglione....

Recriminazioni a parte, è stato bello ricordare quei momenti dolci ed intimi che nessuno (nemmeno la mia mente bacata) potrà mai togliermi. La sua faccia buffa di quando si rilassava, lasciando perdere il tentativo di perfezione da raggiungere ad ogni costo (difetto in comune), il calore del suo corpo, la sua pelle morbida....... Peccato che non ci siamo mai conosciuti a fondo.

Ciao Elisa, un bacio
Posta un commento