martedì 4 marzo 2008

Abusivismo posizionale

Siamo in tempi di antipolitica.
Non penso che gli italiani si siano stancati della politica in , sono sicuro che ne abbiano pieni i maroni dei nostri nuovi aristocratici, divisi in: corte parlamentare, vassalli regionali, valvassori provinciali e valvassini comunali. a questi nobili vanno aggiunti i loro amici clericali, bancari, lobbisti e....
Siamo in un paese in cui l'aiuto del politico è condizione necessaria, spesso sufficiente, per ogni cosa. Gli uomini dei politici sono ovunque, con risultati tragici. Negli ospedali pullulano raccomandati incapaci, con risultati spesso raccontati dalla cronaca; senza considerare i danni prodotti da amici di amici che devono lucrare sulla salute. Analogo argomento vale per le più disparate istituzioni, partendo dalle compagnie pubbliche (vedi alitalia, eni, iri, etc) a quelle culturali... Il caso più emblematico sono le poste.
Questa lunga lista di incapaci distrugge il paese con l'autorizzazione dei loro amici-parenti in politica. Questo è uno dei motivi per cui sono felice che l'Italia non possegga centrali nucleari!
Vivono alle nostre spalle e ci impongono i loro protetti. Il paese va a rotoli grazie alla loro incapacità ed all'idiozia che seminano.
L'antipolitica nasce dall'occupazione abusiva, operata dai politici, di ogni area del paese. La gente è stanca di constatare che gli imbecilli vanno avanti a spese di coloro che potrebbero migliorare il paese, ma sono privi di raccomandazione politica.
Questo paese somiglia sempre più al Titanic: la prima classe danza noncurante, mentre la tragedia si avvicina. Una tragedia chiamata recessione, crisi economica, annientamento del ceto medio. Una nave che si distruggerà contro un iceberg chiamato partiti.

Drvso
Posta un commento