lunedì 9 febbraio 2009

Io Preferirei Davvero Che Tu Evitassi

Ciò che ho sempre invidiato ai bigotti è il peccato. Loro non devono fare i conti con la propria coscienza, bensì con i dettami di altri. A noi atei non è data tanta fortuna.
Sì, fortuna! Noi non possiamo fare le cose di nascosto ad un'entità superiore che passa la giornata a farsi gli affari degli altri. Non possiamo sentirci in colpa con l'uomo invisibile. A noi, poveri tapini, tocca fare i conti con la nostra morale, le nostre idee, la nostra coscienza. Tutto ciò toglie il gusto del proibito.
Nel sesso, ad esempio, non posso godere del fatto di fare qualcosa di sbagliato. Che sia una perversione con una ragazza o un ragazzo (vabbé che di 'sti tempi non si batte chiodo su nessun fronte), non ho il gusto di sentirmi colpevole. Eppure è quel senso di sporco, di peccaminoso a dare un sapore diverso alle cose. Come quando da piccoli si rubavano le caramelle (momento in cui credo di aver avuto la prima erezione seria). Manca il gusto dell'intensamente peccaminoso.
I bigotti hanno questa presenza ingombrante che ha creato un mondo di piaceri, per il gusto di obbligarli a non goderne. Come diceva Pacino in The devil's advocate: "Guarda, ma non toccare... tocca, ma non gustare... gusta, ma non inghiottire!".
Non dico che il mondo debba essere senza legge, malgrado le speculazioni filosofiche. L'umanità è un animale violento e irrazionale, non sa gestirsi. La legge e l'ordine sono, purtroppo, necessari. C'è legge e legge. La Lex dovrebbe essere un codice di condotta, cui si può trasgredire, entro i limiti dettati dalla civile convivenza (questo non vuole essere un divino indulto).
Un esempio sono gli 8 Condimenti pastafariani. In origine erano 10, ma il capitano Mosey era talmente ubriaco che ne ha persi 2 (perdonatemi la traduzione, qui l'originale):
  1. Io preferirei davvero che tu evitassi di comportarti come un cretino più-santo-di-te, quando descrivi la Mia spaghettosa Bontà. Se qualcuno non crede in Me, è ok! Davvero, non sono così vanitoso. Poi, non stiamo parlando di loro, quindi non cambiare argomento!
  2. Io preferirei davvero che tu evitassi di utilizzare la Mia esistenza come scusa per opprimere, soggiogare, punire, sventrare e/o, lo sai, essere cattivo con gli altri. Non richiedo sacrifici, e la Purezza è solo per l’acqua potabile, mica per le persone!
  3. Io preferirei davvero che tu evitassi di giudicare la gente per come appare, si veste, parla o semplicemente si comporta, ok? Ah, e mettetevi questo nelle vostre teste dure: donna = persona, uomo = persona, tipo palloso = tipo palloso. Uno non è migliore di un altro, a meno che non stiamo parlando di moda e, mi scuserete, ma ho dato questo dono alle donne e a qualche uomo che capisce la differenza tra “magenta” e “fuchsia”.
  4. Io preferirei davvero che tu evitassi di assecondare i comportamenti che offendono te o la tua volontà, acconsentendo a partner maggiorenni e mentalmente maturi. A chiunque abbia da obiettare, credo che la frase sia “andate a farvi fottere”, a meno che chiaramente non la trovino troppo offensiva. In tal caso possono spegnere la TV, una volta tanto, ed andare a farsi una passeggiata, tanto per cambiare.
  5. Io preferirei davvero che tu evitassi di sfidare le idee odiose, bigotte e misogine degli altri, a stomaco vuoto. Mangia, e solo dopo puoi andare a puttane.
  6. Io preferirei davvero che tu evitassi di costruire chiese/templi/moschee/santuari, multimilionari, in onore della Mia spaghettosa Bontà, quando il denaro può essere speso meglio (scegli):
    -Sconfiggere la povertà
    -Curare le malattie
    -Vivere in pace, amare appassionatamente e abbassare il costo delle pay-tv. Posso pure essere l'onnisciente essenza dei Carboidrati complessi, ma mi piacciono le cose semplici nella vita. Dovrei saperlo. IO SONO il Creatore.
  7. Io preferirei davvero che tu evitassi di andare in giro a dire alla gente che parlo con te. Non sei così importante! Smettila! E poi ti ho detto di amare il tuo simile, capisci l'allusione?
  8. Io preferirei davvero che tu evitassi di fare agli altri quello che non vorresti che loro facessero a te, se tu stessi indossando cose con un sacco di pelle/lubrificante/vaselina. Se è l’altra persona ad indossarli (purché rispetti il quarto punto), saltagli addosso, fai pure un sacco di foto. Ma, per l’amor di Mike, usa il PROFILATTICO! Onestamente, è un pezzo di lattice: se non avessi voluto che fosse comodo, ci avrei aggiunto dei chiodi, o qualcosa del genere.
Con 2 comandamenti in meno, sono riusciti a creare qualcosa di meglio del più noto decalogo mosaico. Qui non c'è da trasgredire per sentirsi fighi, né per cercare eccitazione. Sono le classiche regole del vivere civile, in cui è previsto che a otto anni si possa rubare una caramella, a patto di non rubare motorini a dodici...
Questo mondo non ha bisogno di leggi speciali, eserciti in strada e cazzate simili. Questo mondo ha solo bisogno di educazione e maggior senso civico. In fondo, non siamo una specie così merdosa, come facciamo intendere. Basta capire che non si evita di guidare ubriachi per non prendere la multa: lo si fa per non ammazzare il prossimo.

Marco Drvso
Posta un commento