venerdì 22 febbraio 2008

Tango

Tra le tante cose che mi ero ripromesso di fare, una era ballare. Questa sera ho iniziato un corso di tango.......
Ballo delizioso, una vera metafora della vita. È bello, sensuale, forte, una palestra armoniosa, violenta e delicata nel contempo.
Quando sostengo che è una metafora della vita, mi riferisco al preciso gioco di ruoli tra i ballerirni. L'uomo, con la sua forza, comanda il passo e si illude di gestire la situazione. Ciò che può apparire come una danza maschilista, svela tutto il sottile gioco degli amanti.
È lei che impone le distanze e permette la sinergia essenziale della coppia. Finge di lasciarsi guidare ciecamente, dettando le regole.
Come dice Marina, l'insegnante, un buon ballerino è quello che sa ballare nel ruolo femminile. Sostiene che sia essenziale, per la componente maschile, seguire un corso in cui "fa la donna", affinché possa comprendere il modo migliore in cui deve approcciarsi, gestire e muoversi.
Non posso dire molto di più su questo ballo, di cui ho preso solo una lezione e ascoltato spesso la musica (essenzialmente Piazzolla e Gotan Project). Di una cosa sono certo: una delle più belle scene cinematografiche è quella in cui Sean Connery balla un tango con Kim Basinger in "Agente 007 mai dire mai".
Sono entusiasta del nuovo gioco.

Drvso

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Commossa come sempre, lascio traccia del mio passaggio...


alessandra.

Druso ha detto...

Ma ciao!!!!! lieto di commuovere uno spirito sensibile..
kiss

barbara ha detto...

ciao Marco!
complimenti per le capacità espressive! sul tango condivido tutto, per me è meraviglioso! ti lascio devo lavorare...

barbara ha detto...

ops ho dimenticato il nome...ero io Barbara!!!