domenica 27 luglio 2008

Bit per la ricerca

Sono pronto a scommettere che tutti hanno installato sul proprio computer dei simpatici programmini tipo: emule, limeware, utorrent, etc. Per far girare questi programmi (e far girare le balle alla siae), utilizziamo risorse del computer e risorse della rete (occupazione della banda e corrente). Mentre si tiene occupata la rete e si sperpera corrente per scaricare ciò che dovrebbe essere di libera fruizione, c'è la possibilità di fare qualcosa di buono per tutti. A tal proposito, ringrazio Ringo De Palma del blog viva la costituzione per la segnalazione.
L'atto giusto e merentorio consiste nell'aderire alla rete del grid computing della Stanford University.
Per effettuare ricerca servono super computer, costosissimi. Si può ovviare a questo, suddividendo il calcolo in piccole operazioni fatte svolgere da computer "normali", collegati tra loro in rete, seguendo l'esempio del famoso progetto seti@home.
Questa volta non si tratta di scandagliare segnali cosmici alla ricerca di alieni... Stanford ha lanciato il progetto Folding@home, mirato allo studio di proteine da sfruttare nella cura di malattie quali: il morbo di Alzheimer, il morbo di Parkinson, il morbo di Hungtington.
Si può contribuire alla ricerca, scaricando un simpatico programmino (circa 500k), aderendo così alla griglia di calcolo. Quando il vostro sistema non sta operando, o opera al di sotto di una certa soglia, il simpatico programmino si attiva e comincia ad elaborare i dati inviati dall'università. La sua presenza non è invasiva, non invia informazioni riservate, non rallenta il sistema, non vi obbliga a fare nulla e lavora quando voi non lavorate (insomma: non rompe le balle).
In questo modo è possibile fare qualcosa di utile per tutti, senza sforzarsi, usando solo le risorse inutilizzate del proprio computer (che è già acceso perché state scaricando musica e film, lo so!), senza influire sulle vostre tasche e sulle capacità dell'elaboratore. Un gesto buono e utile che non costa nulla.
Per tutte le informazioni, cliccate questo link.
Adotta anche tu una proteina!

Drvso

Ps
il simpatico programmino gira su piattaforma Win, Mac e Linux.
Posta un commento