domenica 17 agosto 2008

Piacevoli imprevisti

Il massimo della fantasia, dell'imprevedibilità e dell'irrealtà è la vita.
Sarà capitato a tutti di trovarsi in situazioni inattese e piacevoli. Si programma una serata in un modo e finisce in un altro, totalmente inatteso. Questo mi è capitato ieri sera.
Avevo in programma una serata tranquilla, un buon film e niente di più, in compagnia di una carissima amica. Non è successo niente di quello che si potrebbe intendere da queste righe, quindi: smetti di sbavare, porco!
Una serata piacevole, fatta di buon cibo, buon vino e qualche scherzo da scemo, culminata in una piacevole discussione introspettiva, sulla vita, l'universo e tutto quanto. Non era, esattamente, l'argomento di discussione, ma la qualità degli input nel discorso, trascendeva l'argomento principale.
In vero, la mia faccia non era quella di uno che ascolta e valuta; alle quattro del mattino tendo ad assumere l'espressione da ebete, parcheggiato su un altro mondo. In realtà ascoltavo e ragionavo. Ragionamenti che sono proseguiti anche durante la mattinata (dopo un breve sonno ristoratore), malgrado la continua espressione da ebete e la scarsa capacità comunicativa (parevo un morto che cammina)... Nell'ascoltare le sue storie e problemi, cercando di dare quelle che sembravano risposte sensate (ricordo la faccia con cui le esponevo...) analizzavo me stesso.
Solo attraverso gli occhi degli altri possiamo osservare i nostri e comprenderci al meglio. Ovvietà che ho compreso al meglio ieri sera: il piacevole imprevisto di cui si parla nel titolo. Piccole pillole di comprensione, nate da altri discorsi che confermano che solo nel dialogo, c'è la risposta.
Solo con un'amica/o si può fare questo, perché sono le uniche persone con cui si riesce ad abbassare le maschere che si indossa consciamente (per le maschere che si usano con se stessi, è un altro argomento). Si è liberi di fare ciò che si vuole, senza temere critiche sterili o fraintendimenti. Sono le persone con cui vivi le situazioni più vere, i veri momenti di crescita.

Drvso
Posta un commento