lunedì 22 settembre 2008

Aspirine e bersaglieri

Ormai l'informazione è solo in rete o all'estero!
Non riesco a digerire il mondo in cui l'informazione di regime censuri certe notizie di importanza nazionale.

La prima riguarda l'AIFA. Tale ente nacque con il preciso scopo di controllare le case farmaceutiche, la distribuzione dei farmaci ed il loro prezzo. Tale ente nacque dopo tangentopoli (su questo blog è severamente vietato parlarne male! I revisionisti berluscocraxiani non sono ben accetti!!), a seguito delle nefandezze compiute da poggiolini e delorenzo (per intenderci gli stronzi che mandavano sangue infetto agli ospedali e banchettavano con l'industria farmaceutica; tanto per citare un paio di cosette). L'AIFA era depoliticizzata, affinché la divisione dei poteri impedisse il ritorno di certi italici vizi.
A capo, fino a poco tempo fa, vi era Nello Martini, farmacista senza affiliazioni politiche (avete letto bene: uno che ne capiva e non era tesserato ad un partito. Succede anche in Italia). Personaggio che, a quanto leggo, ha lavorato bene e non ha macchie sulla reputazione.
Silvio che ha fatto? Lo ha sbattuto fuori, ha messo al suo posto un uomo di AN ed ha già dichiarato che toglierà potere all'ente. Qui mi fermo, perché già mi girano le palle! Traete conclusioni voi.
La seconda notizia riguarda uno dei tirapiedi di alemanno (il nono nano), tal colonnello torre. Questo simpatico personaggio, indegno di indossare l'uniforme italiana, è intervenuto per l'anniversario della breccia di Porta Pia (20 settembre 1870, per chi non lo ricordasse). Nel suo agghiacciate intervento, ha voluto ricordare le vittime vaticane! Non una parola per i bersaglieri morti per l'unità d'Italia! Solo parole per i mercenari papali.
Fossi il capo di stato maggiore gli strapperei l'uniforme!

Due notizie. La prima ignorata dai principali organi di stampa (il primo a parlarne è stato Grillo... Ma si può che in un paese moderno ci si debba informare tramite un comico?), la seconda citata solo su qualche giornale.
Qui si attenta alla salute degli italiani ed alla storia della Patria.
I giornalisti italiani dovrebbero vergognarsi! Il loro comportamento è complice! Ed ora vadano a farsi fottere con la loro cara notizia alitalia.

Drvso
Posta un commento