sabato 17 gennaio 2009

Scossa

Fly me to the moon
Let me play among the stars
Let me see whats springs is like
On a Jupiter and Mars

Sono felice, di questi tempi, grazie a delle persone care persone. Una persona (i lettori assidui sanno di chi parlo) mi ha svegliato dal torpore in cui ero caduto, facendomi ricordare di essere carne e sangue. Lo stesso sangue mediante il quale i vampiri prendono l'anima dei mortali.
La linfa cristallizzata è tornata a scorrere, portando con sé, come un fiume in piena, ciò che giaceva nel profondo, scansando i detriti accumulati. Rimasugli che ne bloccavano il naturale fluire. Gli amici e la sorella hanno fatto il resto, fungendo da specchio sincero in cui ho visto cosa sono e cosa posso essere, secondo la teoria espressa qualche post fa. Sono tornato a respirare il mondo, sono felice.
In noi dobbiamo trovare le domande, alle risposte che il mondo ci offre, come nel romanzo di Douglas Adams: quando Deep Think svela la risposta alla domanda "sulla vita, l'universo e tutto quanto", facendo notare che avrebbero capito "42" solo quando avrebbero avuto la domanda giusta.
Sappiamo cosa non ci piace, ma spesso ignoriamo cosa ci piace. Prova a chiedere a una persona quali strade non intraprenderebbe e quali percorrerebbe. La prima risposta sarà rapida, istintiva, mentre la seconda richiederà ragionamento.
La scossa che lei mi ha dato, senza saperlo, mi ha riaperto gli occhi e se non avessi avuto le persone giuste intorno, forse sarebbe stato solo un risveglio momentaneo. Ora devo inspirare il mondo, tirando fuori il meglio che ho dentro.

Marco Drvso
Posta un commento