mercoledì 25 marzo 2009

Vampiraccio angelicato

Ci sono cose di me di cui non parlo, neanche nel blog, perché dure da ammettere e impossibili da digerire. Queste cose sono alla base del periodaccio durato anni, da cui sto faticosamente uscendo. Situazioni familiari, scazzi intestini, etc... potrei scrivere un'enciclopedia. A tirarmi fuori dalla mia pazzia sono stati: l'amore irrazionale per una persona e il vampirico angelo bianco.
Del primo punto, penso di aver scritto tutto quel che potevo divulgare qui... Lei, il mio piccolo amore problematico, il mio diamante pazzo, è riuscita a sfondare il muro che chiudeva il mio io.
Il secondo è il protagonista dei miei racconti, il mio doppio doppio fantastico. Attraverso la sua vicenda ho potuto vedermi dall'esterno, capendo me stesso. Nel farlo muovere, parlare, lottare, ho scoperto le mille sfaccettature delle mie due anime.
Ebbene sì, qui dentro siamo in 2 e la doppia firma in calce ad ogni post ne è la prova. Due imbecilli perfettamente agli antipodi, capaci di essere coerenti con l'altro e con se stessi. Il grosso difetto è nell'interazione tra noi due. Per anni siamo riusciti a limitare l'altro, senza mai cooperare attivamente, in uno scontro senza logica né vincitore.
Come nel racconto, si scontra l'angelo sanguinario, rinato nel vampiro emotivo, contro se stesso. Una questione illogica che va contro ai sacri precetti del kamasutra, il manuale di saggezza indiana (non sono solo posizioni sessuali!!!). Questo testo identifica nell'unione e nell'armonia la via che conduce alla felicità e ad una vita retta.
Senza il vampiraccio angelicato e il diamante pazzo non sarei mai riuscito a intraprendere questa via. Potrei definirli lo specchio e il martello che hanno richiamato l'uscita dell'io unico e complesso dall'angolo di tenebra in cui era caduto; una specie di mito di Amaterasu in versione Pink Floyd.... Così è la vita.

TI AMO MONDO!!!!!!!!! Voglio abbracciarti, conoscerti, sapere come pensi, come vivi, come trombi e lo voglio provare tutto su questa pellaccia!

Marco Drvso
Posta un commento