martedì 7 aprile 2009

Divenire

Nella filosofia orientale c'è un concetto molto interessante, noto a molti attraverso il simbolo del tao, volgarmente chiamato yin e yang. In entrambe le metà del simbolo compare un cerchietto del colore opposto. Questo è il divenire. Dal bene può nascere il male e viceversa, identico concetto vale per ogni ossimoro della nostra vita.
Questo è uno dei tanti concetti, già noti, che stanno tornando nella mia vita, grazie allo studio della lingua giapponese (日本語). Mai avrei pensato che questo corso mi avrebbe giovato tanto, a livello personale. Tramite la lingua scopro nuovi modi di vedere il mondo e nel corso di cultura approfondisco parti del mio substrato culturale, ereditato dagli anime. Poche altre cose, nella vita, mi hanno dato così tanto spunti di riflessione sul mio io e modificato il modo di vedere il mondo; tra queste c'è stata la bici nel periodo ciclistico, da cui ho imparato la resistenza e la determinazione.
Ciò che più mi ha colpito, di tale lingua, è l'assenza del futuro, inteso come tempo verbale. Il futuro si coniuga con il tempo presente, perché (stando a quanto mi hanno spiegato) il presente è un divenire che ha in sé il futuro. Per un occidentale, abituato a suddividere il tempo in maniera precisa (si pensi agli innumerevoli tempi verbali), questo ragionamento ha dell'assurdo.
Concepire il presente come parte integrante del futuro, per quanto strano, è una filosofia di vita azzeccata. Impedisce di rimandare a dopo, perché il dopo è adesso.
Questo modo di affrontare la vita, sta cambiando radicalmente il mio pensiero. Un cambiamento positivo di cui devo ringraziare lo studio della lingua nipponica.
Ero già debitore con il Giappone a causa della voglia di scrivere storie, alcune delle quali attingono da manga e anime. Oggi sono ancor più debitore, per la nuova filosofia di vita e per avermi fatto conoscere una persona.
Questo mondo, perché definirlo una nazione è limitante, mi ha fatto scoprire la nuova via. Un cammino nell'eterna mutevolezza del mondo, privo di rimandi, fatto di attimi da cogliere, perché sono già finiti.
日本、ありごとうございます!
Marco Drvso
Posta un commento